Meditazione del Rilassamento Muscolare. Pratica Guidata.

Seconda puntata meditazione rilassamento muscolare

Oggi, praticheremo insieme un altra meditazione volta a rilassare i muscoli di tutto il corpo, vi ricordo che tramite l’applicazione gratuita di Spreaker o ascoltando la puntata direttamente dal sito bodymindtraining.it alla voce podcast potete saltare questa introduzione, tramite la funzione capitoli e andare direttamente alla pratica di meditazione ogni volta che volete e vi consiglio di farlo tutte le volte che vi accingete a meditare, tanto è gratis ed è stata pensata proprio per guidarvi verso uno stato di rilassamento profondo.

La meditazione inizia al minuto: 4:59

Bentornate e bentornati su BodyMind Training il podcast orgogliosamente indipendente, dove parliamo di Fitness, Nutrizione, Sport, Salute e Benessere attraverso il filtro delle più aggiornate evidenze scientifiche e con il contributo dei migliori professionisti del settore. Io sono Marco Caponera, personal trainer, ma oggi sono soprattutto il vostro guru della meditazione.

Prima di iniziare a praticare questa meditazione vi consiglio di praticare a lungo la meditazione del respiro, per rendere facile alternare il respiro in inspirazione ed espirazione, ve l’ho illustrata nella la scorsa puntata, la trovate qui: https://link.chtbl.com/MeditazionedelRespiro   Perché nella pratica di oggi vedremo come rilassare tutta la muscolatura del corpo e abbiamo bisogno che il respiro sia regolare e che guidi il rilassamento muscolare. Il principio alla base di questa pratica è che la componente nervosa, le placche neuromuscolari per vari motivi possono rimanere in uno stato di attivazione, mantenendo anche a riposo il tono basale dei muscoli in uno stato di attivazione disfunzionale. È uno dei motivi per cui al mattino ci svegliamo già con delle tensioni importanti. Ed è il motivo per il quale alcuni distretti corporei non riescono mai a riposarsi o a tornare in uno stato di rilassamento, ma al contrario mantengono una tensione basale più alta affaticandosi di più, o almeno più del normale. Con questa pratica facciamo in modo che a livello nervoso si ristabiliscano i normali equilibri fra tensione e rilassamento. In questo modo possiamo agire sui livelli di cortisolo, di recupero muscolare e rinnovamento cellulare, di rilassamento generale, favoriremo il sonno, soprattutto quello profondo. Visto che ci occupiamo di rilassamento il mio suggerimento è di praticare questa meditazione, di pomeriggio o alla sera, così da avere aggiustamenti utili soprattutto per il recovery notturno e per recuperare la batifase dei ritmi del cortisolo. Ma se vi doveste svegliare con dolori o rigidità importanti potete praticarla anche al mattino. Continuiamo con un ritmo respiratorio di 5 secondi in inspirazione e cinque in espirazione che fra le altre cose permette di migliorare il rilascio di ossido nitrico verso le estremità riducendo così la permeabilità capillare, quindi le gambe gonfie e i problemi collegati con il ritorno venoso. Chiaramente, questi vantaggi devo essere abbinati a un corretto stile di vita perché si manifestino, se voi vi andate a fare un bell’aperitivo a base di cocktail alcolici e cibo spazzatura e poi all’una di notte, prima di dormire vi fate una pratica di meditazione metterete a tacere la vostra coscienza ma non migliorerete un bel niente.

Come ogni allenamento anche la pratica meditativa offre dei vantaggi nel breve periodo ma diventano esponenziali con la pratica costante. Qui dopo la prima seduta vi sentirete meglio ma praticando almeno tre volte alla settimana, all’inizio ancor meglio tutti i giorni, vedrete che riuscirete a rilassare i muscoli molto prima, in maniera molto maggiore e i benefici perdureranno per più tempo. Quindi bando alla pigrizia, trovate dieci minuti al giorno per praticare e poi fatemi sapere i vostri risultati, ma anche dubbi, curiosità e perché no sono a disposizione anche se volete sapere le basi scientifiche su cui si poggiano queste pratiche.

Se avete perso la prima pratica di Meditazione la trovate qui: https://link.chtbl.com/MeditazionedelRespiro

Ricordate di iscrivervi al Podcast dall’applicazione che state usando per ascoltarci e se volete mettete cinque belle stelle di valutazione. Anche una recensione scritta laddove possibile non sarebbe per noi superflua. Grazie!

Se siete allergiche o allergici alle app per ascoltare Podcast potete ascoltarci direttamente da questo link: https://cutt.ly/BMTPodcast qui trovate tutte le puntate e potete ascoltarle quanto volete, senza iscrizione o senza dover scaricare altro.

Iscrivetevi al mio canale Telegram per sapere in anticipo quando esce ogni nuova puntata del Podcast, per fare domande a me o ai nostri ospiti (anche con audiomessaggi che saranno trasmessi durante la puntata) o per commentare le puntate: https://t.me/BodyMindTraining

Qualcuno, appassionato di tecnologia audio, mi chiede quali strumenti usi per realizzare il Podcast.

Ecco l’attrezzatura che utilizzo per registrare:
Microfono dinamico Rode Procaster: https://amzn.to/32Ce4Gf
Secondo microfono dinamico per ospiti: Shure SM 58: https://amzn.to/2Da7zSt

Mixer digitale Rode Rodecaster Pro: https://amzn.to/2YKeQA0
Cavo microfonico X-Lead Serie Platinum (made in Italy e connettori Neutrik): https://amzn.to/3gNdb2V
Premplificatore/compressore microfonico: Dbx 286s https://amzn.to/2HbpcDc
Cavo tra pre e mixer: Mogami 2534 Quad: https://amzn.to/3jqRBCK
Cuffie chiuse registrazione: Beyerdynamic DT 770 Pro: https://amzn.to/3jCOHez

Cuffie semi aperte postproduzione: AKG K240 Studio: https://amzn.to/3nYP2uX

Asta microfonica da tavolo: Neewer https://amzn.to/35bDI5W

UPS Gruppo di Continuità per Modem/Router: https://amzn.to/37g718F

Se intendi acquistare qualcuno di questi prodotti non esitare a contattarmi per avere informazioni sulle caratteristiche e le modalità d’uso, e se acquisti su Amazon ti prego di acquistare usando questi link, mi riconosceranno qualche centesimo sul tuo acquisto che potrò destinare ad aggiornare l’attrezzatura dello studio ma il prezzo che pagherai tu non subirà aumenti. Grazie.

 

Buon ascolto, e a risentirci presto,

Marco Caponera

PS: Vi ricordo come sempre che i contenuti e i suggerimenti espressi nel podcast si intendono a scopo divulgativo e non sostituiscono il parere del medico o dello specialista.

© Tutti i diritti sono riservati!

Ascolta le altre puntate